13122018in evidenza:

RISCHIO IDROGEOLOGICO: AL VIA I FINANZIAMENTI PER LA DEMOLIZIONE DEGLI ABUSI

di Redazione

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 26 ottobre 2016, n. 251 il decreto del ministero dell’Ambiente 22 luglio 2016 con il quale sono definiti i modelli e le linee guida, relativi alla procedura per la presentazione della domanda di concessione dei finanziamenti per gli interventi di rimozione o di demolizione delle opere o degli immobili abusivi, realizzati in aree soggette a rischio idrogeologico.

Il provvedimento è in diretta attuazione dell’art. 52 della legge 221/2015 (Green Economy) che a tal fine ha istituito un apposito capitolo di spesa, nello stato di previsione del ministero dell’Ambiente (vedi news Ance del 25 gennaio 2016, n. 23434).
Di seguito un prospetto schematico dei principali contenuti del decreto.

 

L’obiettivo
Incentivare, attraverso appositi finanziamenti, gli interventi di rimozione o demolizione di opere realizzate in assenza o in totale difformità dal permesso di costruire e ricadenti in aree soggette a rischio idrogeologico elevato o molto elevato ovvero delle quali viene comprovata l’esposizione a rischio idrogeologico.
 
I beneficiari
Comuni nel cui territorio ricadono tali opere, a condizione che sia presente un provvedimento definitivo di rimozione o di demolizione non eseguito nei termini stabiliti.
L’ambito di applicazione
Il finanziamento ha ad oggetto i costi degli interventi di rimozione o di demolizione di tali opere, comprensivi delle spese tecniche ed amministrative connesse, quali ad esempio quelle relative alla raccolta e al trasporto dei rifiuti prodotti ad impianti di trattamento o di smaltimento.
 
Le modalità
Le domande di concessione del finanziamento devono essere caricate in un apposito sistema on line, predisposto e gestito dal Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare – Direzione generale per la salvaguardia del territorio e delle acque, a cura dei Comuni interessati. 
 

 

 
 In allegato il decreto del ministero dell’Ambiente 22 luglio 2016.

Parlane sui Social Network

Articoli correlati

Scrivi una risposta

Devi essere Registrato per scrivere commenti.